venerdì 17 marzo 2017

Che m'importa a me di tutte codeste minuzzaglie?

Mi capita ogni tanto di avvertire da parte di qualcuno una scarsa simpatia nei confronti della parola “dettaglio”, avvertita come un anglismo recente, da detail, che porterebbe a trascurare il sinonimo “particolare”.

Ora, “dettaglio” è in realtà un francesismo di lunga data e faceva arricciare il naso ai puristi già alla fine dell'Ottocento, il che però di fatto ci dice che in italiano è presente da tempo.

Dicono Fanfani e Arlía nel loro Lessico dell'infima e corrotta italianità del 1890:

DETTAGLIO per Minuto ragguaglio, Particolareggiata relazione, Particolarità di una cosa o fatto, Circostanza. Queste locuzioni non potrebbero bastare in cambio del francese Detail? Così p. es. Dite le particolarità del fatto - Questo è il fatto vero con ogni sua particolarità. Finalmente per Dettagli il popolo dice Minuzzaglie. Es.: Via, finiscila, o che m'importa a me di tutte codeste minuzzaglie?

Perché non menzionano “particolare”? Perché all'epoca, soprattutto come aggettivo ma anche “in forza di sostantivo”, prevaleva il senso di «che è proprio, che appartiene a un tale individuo, a un tal soggetto speciale», «Persona privata; a differenza di Persona pubblica e di alto grado: “Queste spese un particolare non può farle”» etc., come spiega il Vocabolario italiano della lingua parlata di Rigutini e del sullodato Fanfani (per non parlare del “particulare” guicciardiniano).

Non sfuggirà che un uso affine è ancora vivo nel francese particulier: «On ne doit pas préférer l’intérêt d’un particulier à l’intérêt de toute une nation».

(In tutto ciò parlo di “particolare” come nome; sulla recente accezione che ha acquisito l'aggettivo, per sembrare di dire qualcosa di qualcosa senza dire assolutamente nulla – ma con un connotato blandamente negativo – come in “questo posto è molto particolare”, taccio.)

Nessun commento:

Posta un commento